romani - SEMPLICEMENTEMUSICA

Vai ai contenuti


Scriveva Tito Livio nella praefatio "Ab Urbe condita":
« Non so se valga davvero la pena raccontare fin dai primordi l'insieme della storia romana. Se anche lo sapessi, non oserei dirlo, perché mi rendo conto che si tratta di un'operazione tanto antica quanto praticata, mentre gli storici moderni o credono di poter portare qualche contributo più documentato nella narrazione dei fatti, o di poter superare la rozzezza degli antichi nel campo dello stile. Comunque vada, sarà pur sempre degno di gratitudine il fatto che io abbia provveduto, nei limiti delle mie possibilità, a perpetuare la memoria delle gesta compiute dal più grande popolo della terra. »
Dallo studio e dall'analisi dei documenti iconografici e letterari la musica presso i Romani svolgeva un ruolo molto importante nella vita sociale, nella danza, nel culto, nell'esercito, ...
Questa musica però non rivela una sua totale autonomia ma viene fortemente influenzata da quella etrusca e da quella greca grazie alla massiccia presenza di schiavi-musici stranieri.

- PERIODO REPUBBLICANO
Tra gli strumenti musicali a fiato (molti dei quali di provenienza etrusca) troviamo la tuba (tromba diritta), il lituus (corno etrusco con padiglione rivolto verso l'alto), il cornu (usato nell'esercito), la bucina (tromba a doppia curvatura), la siringa (flauto) e lo strumento romano per eccellenza la tibia. Tra gli strumenti a percussione troviamo il tympanon (tamburo a cornice), i cimbali (piatti), crotali (legnetti).

- IMPERO
Durante l'Impero è la musica da intrattenimento che la fa da padrone in modo particolare negli spettacoli e nei combattimenti circensi. Seneca, nei suoi scritti, descrive cori polifonici e grandi gruppi di ottoni.


Pittura parietale da Stabia,
I secolo d.C.
(Napoli, Museo Nazionale)

Corteo dei cornicines in una scena della Colonna Traiana
(Roma, Museo della Civiltà Romana)

Malum aureum

"La musica sotto qualsivoglia suono o struttura si presenti non è altro che rumore senza significato finché non raggiunge una mente capace a riceverla"
Paul Hindemith


Semplicementemusica - © ottobre 2004 - creato e sviluppato da Stefano Rocchetti
Torna ai contenuti